Stampa questa pagina

Caldaie a Condensazione

Sono attualmente le caldaie dall’efficienza più elevata in quanto riescono a raffreddare i fumi della combustione, ricchi di acqua, al di sotto del punto di rugiada recuperando una notevole quantità di calore (calore latente di condensazione) che altrimenti andrebbe sprecato. Il calore recuperato viene poi utilizzato per preriscaldare l'acqua del circuito di ritorno dell'impianto. In questo modo la temperatura dei fumi di uscita è molto bassa (fino a 40°C), ben inferiore quindi ai 110-130°C dei comuni generatori non condensanti
Le caldaie a condensazione esprimono il massimo delle prestazioni quando vengono utilizzate in abbinamento a impianti che funzionano a bassa temperatura (30-50°C), come ad esempio con impianti a pannelli radianti, riscaldamento a pavimento o a zoccolino; il loro utilizzo è però assolutamente raccomandabile, purché i parametri di funzionamento siano opportunamente regolati, anche quando l’emissione del calore avvenga da terminali ad alta temperatura quali radiatori, ventilconvettori, aerotermi, ecc.

     

 

 

Incentivo attualmente disponibile
Detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici (65%)

Questo sito non utilizza cookie di profilazione, se non di terze parti legati all'uso di Google Analytics e all'eventuale presenza di "social plugin". Il sito web di AGIRE utilizza cookie solo per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Le informazioni seguenti sono valide esclusivamente per il sito www.agirenet.it e non per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente durante la navigazione sul portale di AGIRE.

INFORMATIVA ESTESA SULL'USO DEI COOKIE AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 E DEL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE DELLA PRIVACY N. 229 DELL'8/5/2014.